Passa ai contenuti principali

TEST ufficiale Nukeproof Mega 275&290 a Dolceacqua!


"Deux Mega à Dolceaqua".
E' così che comincia l'articolo ufficiale di Paul Humbert, noto giornalista sportivo per Vojo Magazine, una delle maggiori riviste di news&tecnica della Bike francese; lui è stato incaricato da Nukeproof per realizzare il primo report delle bambine di casa, citate nell'articolo precedente di SR Freeride.
Il test bike è stato effettuato dal Supernatural Team, il cui supervisionatore è Sam Hill; i modelli di Bike testati sono la NP 275 e 290 PRO. Purtroppo non è uscito nessun video delle prove, ma aspettiamo ansiosamente, anche perchè queste nuove Mega hanno una particolarità: il sistema Horst, un sistema insolito ma a quanto pare efficace di far lavorare l'ammortizzatore posteriore (sospensione).amorto
Come si vede dalla prima immagine a sinistra, è un leveraggio inusuale, proprio per questo sembra un grande passo avanti!
nukeproof-mega-2016-vojo-34
Appunto, vi chiederete la sua reale utilità... Secondo i test Nukeproof, Horst, serve a garantire una maggiore sicurezza del posteriore sullo sconnesso e SOPRATTUTTO una migliore pedalata in salita, rendendo la trazione tramite la pedalata meno 'oscillante' e quindi con meno dispersione di energia... immaginatevi il sistema Horst più un buon ProPedal...Vi lascio nel dubbio!
-Comunque:
Negli anni scorsi erano state apportate numerose migliorie, nel 2014 il telaio era compatibile per il montaggio di ruote da 27,5'', ma ora c'è stato il vero cambiamento: una Bike nuova, con geometrie perfette per l'Enduro, angolo di sterzo molto aperto, leggera pur non essendo in carbonio ma Alluminio 6061 (e di questo vanno fierissimi..comprendili questi irlandesi) e molto rigida.
Alastair Beckett, product manager e responsabile dello sviluppo Nukeproof dice:
"Come molti di voi avranno compreso, Mega deve il suo nome 'Alpe d'Huez Megavalanche'. Quando abbiamo ripreso in mano i progetti e disegni della Bike avevamo due grossi obiettivi: renderla leggera, modificare il leveraggio sospensione per migliorarla in discesa e in particolare durante la pedalata senza cercare compromessi. Per fare ciò abbiamo stravolto le geometrie originali, come si è ben potuto vedere dalle foto, ma sono davvero soddisfatto dell'estetica e dei risultati del test di Dolceacqua. Siamo riusciti, pur allungando un po' il passo rispetto alle precedenti, a lanciare sul mercato 4 diverse taglie per entrambe le Mega (S, M, L, XL), così ognuno può trovare la sua misura. Sono state eseguite prove anche con prototipi di carbonio, ma il materiale che ci è sembrato migliore è appunto l'alluminio 6061, più affidabile rispetto al carbonio, in modo da raidare con più spensieratezza -aggiunge ironicamente-. Inoltre, incuriositi dal crescende fenomeno delle 'BigWheels' (le 29''), abbiamo provato tante 29 di altre marche, ma nessuna ci ha soddisfatto sui nostri sentieri, perciò abbiamo progettato e creato la nostra".
nukeproof-mega-2016-vojo-57
 I risultati del Team Supernatural sono stati superati a pieni voti; tra le due la 275 sembra leggermente migliore sui salti, sullo scassato e sul veloce, mentre la 290, pur avendo una forcella da 150mm di travel e steli da 32 (contro i 160mmX36mm della 275) è parsa più sicura in curva e più facile da pedalare. Il peso di ambedue le Pro è di circa 13 kg.
Per le gare di Enduro comunque si consiglia la 27,5'', più che altro perchè avendo gli steli da 36 e una posizione più bassa, con un passo più corto, seppur di poco risulta superiore.
nukeproof-mega-2016-vojo-28
nukeproof-mega-2016-vojo-30
nukeproof-mega-2016-vojo-14

nukeproof-mega-2016-vojo-60
A sinistra la 275; a destra la 290.


 Per ora è tutto, aspettiamo i video ufficiali e le recensioni degli utenti; sotto trovate il link della presentazione di Paul Humbert, ovviamente in francese, pubblicata su VojoMag.

http://www.vojomag.com/nukeproof-2016-deux-mega-a-dolceacqua/


SR Freeride.