Passa ai contenuti principali

SussyMyBike: il punto d'incontro tra MTB ed elettronica


SussyMyBike, è questo il nome del nuovo dispositivo che comunica al biker come stanno lavorando forcella e sospensione, in grado di trovare il setting ottimale in ogni single track. Realizzato da kickstarter sotto il tag #SmartSuspension, consiste in un sensore che crea una maschera virtuale in contatto (tramite Bluetooth 4.0) con lo smartphone Android o Apple; era già stato presentato ad EuroBike ma... Noi di SR Freeride abbiamo avuto modo di vederlo in azione prima della sua presentazione per puro caso (e fortuna); un giorno io e Davide ci stavamo alternando le discese su Due Muri, Tubi di San Lorenzo e Bruciato (classiche risalite grazie alla moto), quando sbucò dai Due Muri un signore tedesco sulla trentina che, molto incuriosito dal nostro furgonaggio insolito, chiese se gentilmente se potevamo dargli un passaggio sino al Giro del Marzocco. Senza alcun problema gli abbiamo detto di sì e, mentre gli stavo legando la bici (il prototipo della polacca Kross Moon Z2, che non si conosceva ancora) notai due scatolette verdi e con un led lampeggiante. Subito gli chiesi che cosa fossero (in un inglese ahimè molto sputato), e mi rispose che erano due prototipi da testare e mi mostrò il funzionamento. Erano marchiati ambedue Kickstarter, nome che sinceramente non avevamo mai visto prima, ma quello che ci fece vedere, ci lasciò a bocca aperta:


SussMyBike device
  • Il primo di questi era posizionato sia sulla forcella che sulla sospensione, ci spiegò che era un modo per ottenere (tramite una connessione bluetooth con lo smartphone) le regolazioni ottimali di ritorno, precarico e compressione degli ammortizzatori. Fantascienza. 
  • Il secondo, di cui non se n'è ancora sentito parlare, era un piccolo sistema di emergenza che sarebbe servito in caso di caduta grave, comunicante con i numeri da chiamare in situazioni di bisogno, inseriti durante la configurazione. In sostanza, se il tipo fosse caduto e la macchinetta non avesse avuto un input entro i 180 secondi, avrebbe chiamato automaticamente i numeri registrati. 
Dopo quattro belle chiacchiere ed un mio sforzo immane di parlare inglese, gli abbiamo dato il passaggio e basta, più visto e sentito finchè oggi, su TriRide MTB, ho trovato un articolo che spiegava circa il prodotto.
   
"Viviamo in un mondo in cui tutto è misurato - scrive kickstarter -, dal nostro desiderio di ottimizzare le sospensioni e dalla nostra passione per i numeri è nato SussyMyBike."


L'interfaccia.
Il funzionamento è spiegato da un video molto interessante quì:
https://d2pq0u4uni88oo.cloudfront.net/assets/004/829/676/45f8720c042f2ab0fa45601bd31b7b03_h264_high.mp4

La casa annuncia che SMB non ha bisogno di alcun tipo di calibratura, basta applicarlo nella posizione corretta, attivandolo durante le prove libere - ad esempio - prima di una gara, segnarsi le regolazioni ottimali per gli ammortizzatore in ogni singolo trail ed il gioco è fatto.
Molto semplice e pratico.
Video test:https://d2pq0u4uni88oo.cloudfront.net/projects/2144508/video-598704-h264_high.mp4
 

 



Inoltre è possibile sostenere il progetto per mezzo di una donazione.
Che dire, ora bisognerà solo aspettare il suo lancio sul mercato...

SR Freeride.